ZIMBABWE. ART SYMBOL AND MEANING

Autore: ATHERSTONE GILLIAN
Editore: 5 CONTINENTS EDITIONS
ISBN: 9788874399451
Pubblicazione: 17/09/2020

60,00

Disponibile (ordinabile)

COD: 9788874399451 Categorie: , , ,

Descrizione

Questo libro offre uno sguardo approfondito sull’eredità artistica delle tre culture principali dello Zimbabwe: Shona, Ndebele e Tonga. Evidenzia come l’arte, nella storia dell’Africa, non sia mai separata dalla vita, ma resti uno strumento espressivo fondamentale integrato nella vita stessa, e quindi sia rintracciabile in oggetti rituali e quotidiani, nelle decorazioni di interni, nella moda, nei comportamenti personali e negli eventi condivisi.

L’arte funziona diversamente in questo contesto, poiché è il linguaggio del simbolo, un linguaggio che concilia l’interrelazione della psiche umana con gli altri e con l’universo stesso. Questo libro apre una finestra sul simbolismo africano e conferma che la mente, per natura, ragiona secondo due codici paralleli: il codice esterno della consapevolezza sensoriale e il codice interno della consapevolezza soggettiva.

E ricostruire le dinamiche del codice estetico dell’Africa sub-sahariana, diffuso in tutte le sue culture, significa considerare il simbolismo africano come un linguaggio parallelo di espressione filosofica. Ecco la storia di questo libro. Oltre duecento immagini di oggetti d’arte provenienti dallo Zimbabwe, scattate in un periodo di tempo in cui era ancora possibile reperirli facilmente, rivelano come l’arte si esprima in tutti gli aspetti della vita quotidiana come linguaggio di significato spirituale e culturale – un modo per garantire che questo significato non si è mai discostato dalla consapevolezza individuale.

La maggior parte delle fotografie sono state scattate nelle communal landspiù remote, ossia nelle aree rurali “riservate” agli africani nell’età coloniale. È qui che il senso dell’identità, della cultura e della storia africana è sopravvissuto al colonialismo e agli effetti di una dittatura fortemente restrittiva. Le immagini risalgono per lo più al periodo compreso tra il 1998 e il 2015, quando Duncan Wylie, l’autore degli scatti, tornò nel suo Paese d’origine per intraprendere quello che lui stesso definisce “un lavoro di trasmissione e, per il mondo non-africano, un mezzo prezioso per apprezzare più profondamente le forme d’arte africane e le possibilità dell’arte in generale, un mondo che pochi hanno avuto l’occasione di esplorare”.