RAZZE IN TEORIA. LA SCIENZA POLITICA DI

Autore: Ruocco Giovanni
Editore: Quodlibet
Collana: QUODLIBET STUDIO. FILOSOFIA
ISBN: 9788822901682
Pubblicazione: 12/04/2018

20,00

Disponibile (ordinabile)

COD: 9788822901682 Categoria:

Descrizione

Come si costruisce il discorso della razza nell’Ottocento? E in che modo quel discorso abita ancora l’immaginario comune delle società contemporanee? Per rispondere a queste domande, il libro, nel sottolineare le ambiguità concettuali e le carenze strutturali delle dottrine delle razze elaborate in Europa nel corso del XIX secolo, evidenzia come proprio l’indefinitezza della loro struttura epistemica e logica alimenti la costruzione dell’alterizzazione, e dunque dell’essenzializzazione e discriminazione dell’altro. Per far questo il testo si concentra sulla riflessione di un importante protagonista della vita intellettuale e politica italiana del tempo, Gaetano Mosca, autore in realtà critico della centralità riconosciuta all’epoca al discorso della razza, come chiave di spiegazione dell’origine e del fondamento delle società umane. “Denaturalizzando” le razze e il loro ruolo storico, Mosca, autore positivista, offre indirettamente elementi utili proprio per sviluppare una critica dello scientismo e della sua funzione sociale, e fornisce così un materiale prezioso a quel filone della riflessione filosofica e sociologica che guarderà successivamente, e ancora guarda, al razzismo non come a una patologia di carattere morale e culturale, ma come ad un elemento culturale strutturale dei rapporti di dominio delle società contemporanee.